Most Popular

Così la riforma della custodia ha salvato gli espulsi da Alfano
"Appare evidente che il legislatore abbia voluto, con la modifica introdotta, prevedere che un eventuale pericolo di reiterazione della condotta ... ...






Scalzone va all'attacco: "Battisti è un criminale' 'Salvini lo è per ruolo..."

Rated: , 0 Comments
Total hits: 1
Posted on: 01/14/19
Oreste Scalzone co-fondatore di Potere Operaio, che con l'ex leader dei Pac ha condiviso l'esperienza della latitanza a Parigi sotto la protezione della cosiddetta "dottrina-Mitterrand", dopo l'arrivo di Cesare Battisti in Italia, punta il dito contro il ministro degli Interni, Matteo Salvini. In un colloquio con l'Adnkronos, Scalzone non usa giri di parole e di fatto etichetta l'ex terrorista dei Pc come "presunto criminale" e Salvini come "criminale per ruolo".Una posizione dura che lo stesso Scalzone cerca di argomentare così: "Quelli che vociferano dai pulpiti istituzionali sono 'irriferibili'... A cominciare dal ministro della guerra interna di turno, l'orrido Salvini. Battisti - come qualunque altra persona non 'colta sul fatto', atto o scritto considerato reato di parola irrevocabilmente stampata e firmata - resterà sempre 'presunto' autore di questo e quello, eventualmente inscritto in un codice penale come delitto o crimine. Uno statista, governante, a cominciare da un ministro della guerra, esterna o interna, è apertamente, ufficialmente, per funzione, per ruolo, responsabile di sangue sparso in misura vertiginosamente più grande". Infine lo stesso Scalzone adesso chiede una amnistia per i delinquenti che hanno seminato il terrore negli "Anni di piombo": "Più di recente, il vituperato Cossiga parlava nei suoi codici linguistici di 'grande pentimento', perché ognuno aveva da amnistiare qualche altro... - ricorda Scalzone -, ma questo è stato completamente cancellato dall'immaginario da almeno 20-25 anni. Per tutte queste ragioni e molte altre sulla possibilità di un'amnistia sono molto pessimista. Ma mai dire mai, possono sempre verificarsi contro-terremoti antropologici".




>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment