Most Popular

Così la riforma della custodia ha salvato gli espulsi da Alfano
"Appare evidente che il legislatore abbia voluto, con la modifica introdotta, prevedere che un eventuale pericolo di reiterazione della condotta ... ...






Legge elettorale, regge il patto a 4: no alla norma anti Berlusconi

Rated: , 0 Comments
Total hits: 2
Posted on: 10/05/17
Per ora il patto a quattro sulla legge elettorale regge. Pd, Forza Italia, Lega e Ap sono d'accordo su un punto importante: Silvio Berlusconi potrà essere indicato quale capo di Forza Italia alle prossime elezioni. Il relatore, Emanuele Fiano (Pd) ha annunciato il parere contrario sull'emendamento del Movimento 5 Stelle ribattezzato "norma anti-Berlusconi", quello che proibisce che venga indicato quale capo di una forza politica chi è incandidabile o ineleggibile, come appunto è Berlusconi. E nel caso in cui l'indicazione venga fatta lo stesso la lista è considerata inammissibile. L'emendamento in questione rientrava in un pacchetto più ampio di proposte di modifica, che erano state tutte accantonate perché riguardanti il tema del capo della coalizione o della forza politica.Confermati, nel Rosatellum bis, i listini corti per i collegi plurinominali. Saranno composti da un minimo di 2 a un massimo di 4 candidati. La commissione Affari Costituzionali ha respinto tutte gli emendamenti che chiedevano modifiche su questo punto.Se venisse approvata questa nuova legge elettorale, Il Movimento 5 Stelle sarà obbligato a presentare lo Statuto. Sono stati bocciati, infatti, due emendamenti dei pentastellati che miravano, con diverse sfumature, a eliminare l'obbligo del deposito dello Statuto presso il ministero dell'Interno. Un obbligo previsto dall'Italicum di fatto recepito dal Rosatellum bis, e non modificato dall'intervento della Consulta, che pure ha dichiarato incostituzionali alcune parti della legge elettorale in vigore.Protesta il M5S: "I cittadini non devono scegliere. Questa è l'unica certezza che questa legge elettorale ci sta restituendo. Oggi sono stati bocciati i nostri emendamenti per la reintroduzione delle preferenze. Una battaglia che portiamo avanti da 10 anni, a partire dalle 350mila firme raccolte al primo VDay. Ma i partiti se ne fregano altamente del diritto dei cittadini a scegliersi i propri rappresentanti, perché devono essere le segreterie a decidere per loro. Questa è la considerazione che i partiti hanno nei confronti degli italiani".




>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment