Most Popular

Così la riforma della custodia ha salvato gli espulsi da Alfano
"Appare evidente che il legislatore abbia voluto, con la modifica introdotta, prevedere che un eventuale pericolo di reiterazione della condotta ... ...






La riabilitazione ora è definitiva La procura non impugna il verdetto su Berlusconi

Rated: , 0 Comments
Total hits: 1
Posted on: 05/16/18
La riabilitazione di Silvio Berlusconi è definitiva. La Procura generale infatti non ha impugnato il provvedimento del Tribunale di sorveglianza. Di fatto venerdì scorso il Tribunale aveva fatto decadere l'incandidabilità di Berlusconi e gli effetti sulla condanna della legge Severino. La procura aveva 15 giorni di tempo per impugnare il provvedimento. La procura ha scelto dunque di non opporsi al verdetto. E a questo punto nessun ostacolo può bloccare una eventuale candidatura del Cavaliere. Si chidue così un calvario durato ben cinque anni. I legali di Berlusconi avevano presentato l'istanza lo scorso marzo. Il verdetto del Tribunale di sorveglianza era atteso per il mese di giugno. Con quasi un mese di anticipo è arrivata le decisione del giudice. In caso di ricorso da parte della procura sarebbe stato necessario fissare un'udienza. Poi gli stessi giudici avrebbero dovuto decidere se inviare o meno gli atti in Cassazione. Dal 27 maggio la riabilitazione del Cavaliere sarà definitiva. Inoltre, nel provvedimento del tribunale, si evidenzia come due denunce presentate per diffamazione e voto di scambio sono state archiviate. Sempre in relazione al periodo di valutazione - dalla condanna nel 2013 alla scadenza dei tre anni che la legge prevede debbano trascorrere dall'espiazione della pena - "emerge la sussistenza di carichi pendenti presso le procure della Repubblica di Milano, Roma e Torino", tutti legati al caso Ruby. "Tali pendenze - scrive il Tribunale di Sorveglianza - non escludono di per sé la sussistenza della regolarità della condotta". In definitiva, il collegio ritiene che "sussistano tutti i requisiti prescritti per l'accoglimento dell'istanza, in assenza di dati significativi di segno contrario". A Milano, dove è in corso il processo sul caso Ruby, Berlusconi è accusato di corruzione in atti giudiziari per aver comprato il silenzio di una ventina di testimoni. Se la presenza di indagini non è ostativa alla riabilitazione di Berlusconi e la decisione della procura generale gioca a vantaggio del leader di Forza Italia, per il Cav c'è un altro rischio, ovvero l'articolo 180 del codice penale che recita: "La sentenza di riabilitazione è revocata di diritto se la persona riabilitata commette entro sette anni un delitto non colposo, per il quale sia inflitta la pena della reclusione per un tempo non inferiore a due anni, od un'altra pena più grave".




>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment