Most Popular

Così la riforma della custodia ha salvato gli espulsi da Alfano
"Appare evidente che il legislatore abbia voluto, con la modifica introdotta, prevedere che un eventuale pericolo di reiterazione della condotta ... ...






E Berlusconi lo stronca: salvato dai trasformisti

Rated: , 0 Comments
Total hits: 31
Posted on: 01/23/16
Roma - È un Berlusconi amaro quello che constata ciò che è sotto gli occhi di tutti: Renzi sta in piedi grazie al trasformismo. Senatori eletti con il centrodestra, sotto il simbolo «Berlusconi presidente», fanno da stampella a un governo illegittimo perché non eletto dagli italiani. Sono tanti gli azzurri che, sottolineando l'aiuto determinante di Verdini sulle riforme, denunciano il pasticcio. «Ormai è un dato di fatto che con il voto sulle riforme ci sia stata una mutazione non numerica ma genetica della cosiddetta maggioranza: i partiti che la compongono non sono accomunati da programmi e valori condivisi ma dall'obiettivo della propria sopravvivenza politica - va all'attacco Deborah Bergamini - Il Pd ha definitivamente abbandonato la vocazione maggioritaria elevando a metodo di governo il trasformismo, di cui l'imminente rimpasto di governo sarà l'immancabile suggello».E pure Francesco Paolo Sisto va giù duro: «Evidentemente c'è un'Ala (staccata da Forza Italia) che appoggia il governo Renzi. In caso di necessità, infatti, i colleghi del gruppo di Denis Verdini sostengono il governo in modo determinante, e questo, al di là delle alchimie lessicali e dei giudizi, è un dato di fatto. Il premio delle vice presidenze al Senato costituisce, diremmo noi penalisti, un riscontro assolutamente indiscutibile di tutto questo. La maggioranza, insomma, non è variabile ma ormai variata».Berlusconi, che non s'è mai appassionato troppo al discorso delle riforme e della legge elettorale sostenendo che i problemi degli italiani sono ben altri, confida tuttavia nella rivincita. «Saranno gli italiani a bocciare il ddl Boschi» è la sua convinzione. I comitati per il «no» sono appena nati ma ci sarà tempo per condurre la battaglia nelle piazze e convincere i cittadini che il combinato disposto delle riforme e della legge elettorale è pericoloso per il Paese.Intanto arrivano altre buone notizie dagli immancabili sondaggi che ad Arcore non mancano mai: Forza Italia e Lega crescono mentre il Movimento 5 Stelle comincia a perdere. Gli ultimi dati (Istituto Ixè per Agorà) fotografano una flessione dello 0,8 per cento per il movimento di Grillo, dato al 25,2%. A pagare, senza dubbio, lo scandalo legato all'affaire del sindaco di Quarto e alle recenti dimissioni con relativo j'accuse a Grillo e Casaleggio. La Lega continua a crescere e si assesta al 14,1% (+0,6%) mentre Forza Italia passa dal 10,7% all'11,2%. Confermate le convinzioni del Cavaliere secondo cui ormai «Renzi non tira più». Il tasso di fiducia nel premier resta stabile al 30% e, secondo Berlusconi, è destinato a calare ancora.Altra battaglia cruciale, che Berlusconi è sicuro di vincere, sarà quella delle prossime amministrative. Il rebus candidature non è ancora sciolto ma il Cavaliere ha come faro l'unità del centrodestra per cui non azzarda a lanciare alcuno. E Mariastella Gelmini giura: «A breve avremo il nostro candidato. Non ci facciamo dettare i tempi dal centrosinistra: non si tratta di avere il candidato per primi ma il migliore. Berlusconi, Salvini e Meloni si stanno sentendo e faranno la scelta più adatta». E ancora: «Riguardo alla disponibilità di imprenditori per la candidatura, dopo l'esperienza del presidente Berlusconi non c'è la fila di imprenditori a scendere in campo». E il pressing su Del Debbio continua.FCr




>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment